Здравствуйте, гость ( Вход | Регистрация )

> Poesia e scrittura italiana! moderna!!!, Tutto di poesia e scrittura moderna!
Any
сообщение 10.1.2008, 16:49
Сообщение #1


Участник Italy Club
**

Группа: Пользователи
Сообщений: 94
Регистрация: 9.1.2008
Пользователь №: 3 610



[font=Comic Sans Ms][size=1]
Ciao a tutti!!!!
Io sono un fan di poesia italiana e anche scrittura. Ho conoscuto con qulche belissime scrittori e poeti italiani! Anche se non parlo bene italiano e adesso solo imparo mi piacerebbe discuttere di quella belissima tema. Spero che voi avete suoi opinione di quella belissima cosa.... appeno comincio quella belissima tema... vi faccio leggere una poesia...

IERI SERA CON TE

Ieri sera con te,
Non sono stato
Come l’amico
Di sempre che
Ti ascolta, ti parla,
Ti porta fra gli angeli
E fra le onde dei
Miei umori.
Non sono nessuno
Quando non ti
Accrezzo con le parole
E con lo sguardo;
Sento la mia nulità
Quando non trovi in me
Le cose che vuoi.
Tu sei più del mio cercare,
Io capisco quando ti
Accompagno al letto
Col pensiero e rimango
Lacero e solo in un
Vuoto di sentimenti.
Ieri sera non avevi
La consueta tristezza
Che ti fa dolce e particolare,
Eppure c’erano più cose
In te che nell’universo;
Io stesso mi sentivo
Perso in te e non
Riuscivo a trovarmi
Se non al di là
Di un’eloquenza inespressa.
Mendicavo qualcosa al cielo
Per potertela dare,
Ma ero più povero
Della mia solitudine.
Lungo il mare,
Durante la passeggiata
Al porto, dicevamo
Cose già dette e nulla
Di noi per poi.
Tu mi parlavi di
Un altro e io pensavo
A te senza lui;
Ogni parola era un disorso,
Un disorso senza fine
E somigliava a un silenzio
Di nuvole sciolte
Su di noi,
Naufraghi in un
Oceano di ricordi!
Il giorno era morto
E ti facevi più bella,
Guardavo nei tuoi
Occhi di bosco
Una pioggia di stele
E supplicavo il vento
D’accarezzarti.
Immaginavo le dita
Fra I capelli
E un pensiero frugava
Senza egoismo,
In felicità non mie.
Poi, indovinavo
Nel buio le tue labbra
Chiuse e le mani,
Le mani impietose
E ferme sulla tristezza
E me ne andavo
Senza dirti nuolla
Per domani.
flowers1.gif

Spero che piacere a voi!

Con tutto cuore, Any wub.gif
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
2 страниц V < 1 2  
Ответить в эту темуОткрыть новую тему
Ответов(15 - 26)
Altanka
сообщение 16.1.2008, 12:53
Сообщение #16


Мастер Italy Club
Group Icon

Группа: Пользователи
Сообщений: 800
Регистрация: 10.10.2007
Из: Toscana
Пользователь №: 1 993



Цитата(Any @ 16.1.2008, 9:31) *
P.S. Еще я сначала была так горда, что есть связь с Россией... а потом, когда поняла, чем дело кончилось... даже возмутиться хотела! biggrin.gif huh.gif
Да уж, этот момент мне как-то не очень понра 375.gif
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
Any
сообщение 17.1.2008, 12:21
Сообщение #17


Участник Italy Club
**

Группа: Пользователи
Сообщений: 94
Регистрация: 9.1.2008
Пользователь №: 3 610



Цитата(Altanka @ 16.1.2008, 12:53) *

Да уж, этот момент мне как-то не очень понра 375.gif


Думаю у автора моральная травма... возможно его отвергла русская девушка! biggrin.gif bounce.gif Lighten.gif
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
Any
сообщение 29.1.2008, 16:16
Сообщение #18


Участник Italy Club
**

Группа: Пользователи
Сообщений: 94
Регистрация: 9.1.2008
Пользователь №: 3 610



Сейчас заканчиваю с подружкой перевод своего рассказа на итальнский язык.
Называется на русском "Убагающая". Как только закончу и отккорекктирую у итальянского редактора сразу опубликую. Будет приятно ваше мнение.
Для русскоговорящих смогу на русском опубликовать!
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
morgana
сообщение 3.2.2008, 17:25
Сообщение #19


Участник Italy Club
**

Группа: Пользователи
Сообщений: 87
Регистрация: 2.12.2007
Из: San Pietroburgo, Russia
Пользователь №: 2 996



Буду ждать публикации! Только я не италоговорящая 450.gif так что обязательно опубликуй его на русском!


--------------------
...I wanna be evil, I wanna be mad...
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
Any
сообщение 3.2.2008, 20:42
Сообщение #20


Участник Italy Club
**

Группа: Пользователи
Сообщений: 94
Регистрация: 9.1.2008
Пользователь №: 3 610



Цитата(morgana @ 3.2.2008, 17:25) *

Буду ждать публикации! Только я не италоговорящая 450.gif так что обязательно опубликуй его на русском!

Ok!!! Я тебе на почту пришлю... кидай мыло! biggrin.gif

А ты сама не пишешь? smile.gif
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
Any
сообщение 15.2.2008, 18:36
Сообщение #21


Участник Italy Club
**

Группа: Пользователи
Сообщений: 94
Регистрация: 9.1.2008
Пользователь №: 3 610



Кое что из написанного ранее мной... пока не закончила перевод... трудно...

Я тоже ждала….

Я ждала тебя!
Я так тебя ждала!
Что минуты превращались в вечность,
Испарялась талая вода
Исчезая паром в бесконечность!

Я ждала тебя!
Я так тебя ждала,
Что мечтать от этого устала,
Не задумываясь, как воздушный шар
Я их в небо сонно отпускала!

Я ждала тебя!
Я так тебя ждала!
Словно статуя, застывшая на месте,
Мысли, звуки, песни, имена,
Все проснется, если будем вместе!

Я ждала тебя!
Я так тебя ждала!
Провожая серых пешеходов,
По утру уже я не звала,
Череду туманящих восходов!

Я ждала тебя!
Я так тебя ждала,
Понимая эту бесполезность!
Может быть ты ждал,
Как я ждала,
Но не смог переступить ты современность!

На губах застывшие слова
Обличавшие нагую откровенность
Ведь я сквозь года тебя ждала,
Сквозь века прошла я безвременность….

Если это перевести на итальянский может тоже не плохо получится... правда я не пыталась...
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
Any
сообщение 15.2.2008, 18:50
Сообщение #22


Участник Italy Club
**

Группа: Пользователи
Сообщений: 94
Регистрация: 9.1.2008
Пользователь №: 3 610



И кое-что на итальянском....


Amare una persona è...

Averla senza possederla.
Dare il meglio di sé
senza pensare di ricevere.
Voler stare spesso con lei,
ma senza essere mossi dal bisogno
di alleviare la propria solitudine.
Temere di perderla,
ma senza essere gelosi.
Aver bisogno di lei,
ma senza dipendere.
Aiutarla, ma senza aspettarsi gratitudine.
Essere legati a lei,
pur essendo liberi.
Essere un tutt'uno con lei,
pur essendo se stessi.
Ma per riuscire in tutto ciò,
la cosa più importante da fare è...
accettarla così com'è,
senza pretendere che sia come si vorrebbe.
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
Any
сообщение 17.2.2008, 18:03
Сообщение #23


Участник Italy Club
**

Группа: Пользователи
Сообщений: 94
Регистрация: 9.1.2008
Пользователь №: 3 610



RACCONTO flowers1.gif
Buona lettura...


La fuggente

L’umore del Capodanno si stava volatilizzando, ridandomi la tristezza di sempre e pesanti pensieri del vago futuro. Malinconia stringeva, come sempre, il cuore, dove si affollavano i ricordi del terribile passato. Non augurerei mai a nessuno provare qualcosa del genere, e ancora meno quando hai 23 anni. Ma, essendo ottimista, si può dire che sarebbe stata una prova che mi è stata mandata dall´alto perchè mi facessi più saggia.
Ho scappato, fuggito del dolore, offesa e paura. Sono scappata in un altro paese per dimenticare questo orrore moscovito che è stato creato da una persona che io amavo. Sono scappata a la persona più prossima e cara che ho nel mondo – a la mia mamma. E allora oggi già è il 2 di gennaio. Mi sentivo male proprio di mattina. Avevo debolezza addosso, nausea e mi incontravo più pallida che di sempre. Mamma ed io abbiamo deciso visitare, tanto per variare, il casino di Monte Carlo che non frequentano solo i pigri in questa città.
Mai mi consideravo pigra, allora ho deciso andare. Eravamo con un vecchio barone italiano, un amico della nostra famiglia, che intenzionavamo accompagnare. Questo tipo aveva una passione sfrenata per giocchi d'azzardo. Poteva lasciare tutta una fortuna nel casino in un solo giorno. Mentre questo provava la sua fortuna gioccando flipper, io studiavo la gente. Come gioccano, che sentono, come fumano nervosi o si asciugano goccie del sudore dalla fronte, che emozioni si riflessono sulle sue faccie mentre gioccano. Mi piace osservare la gente. È persino il mio piccolo hobby. Mentre osservo, uso la mia fantasia. Immagino come si comportono loro a casa, come cosa fanno, come amano, come decoranno i suoi appartamenti, che tipo della persona amata hanno. E tante altre cose che la mia fantasia pazza è capace di inventare. Ma, di colpo, qualcuno ha bussato alla mia fantasia. Quancuno reale.
Davanti di me avevo un uomo giovane con un sorriso largo.
- Ciao, - ha detto lui.
I miei enormi e sorpresi occhi lo guardavano ed io non riuscivo a capire come dovevo parlargli. Non capivo perchè si ha messo a parlarmi. Cioè, non avevo mai fatto conoscenza in un casino.

****

- Sì! – ho risposto in russo a la chiamata che era così inospettata che non ero ancora uscita del mio mondo dei ricordi e non avevo a fatto capito che stavo nella mia stanza in Ritz di Londra.
– Tutto a posto, non si preoccupi, grazie, – ho risposto assente in inglese alla gentile impiegata di reception e rientrai i ricordi.

****

Non potevo ricordare di cosa parlavamo quando si ha avvicinato, non ricordo i primi frasi. Solo ricordo che mi domandava qualcosa. Gli raccontavo che avevo l´intenzione di inscrivermi alla facoltà di regia e che avevo appena preso la laurea con lode della facoltà di periodismo. Insomma, mi ha fatto sciogliere la lingua e mi ha sembrato un po´ insolito. Non posso spiegare adesso come riuscivamo parlare perche allora il mio italiano era nella piena primitiva fase iniziale.
Ricordo la mia sensazione che aveva buoni occhi e che sarebbe interessante stare con lui. È stato puro instinto che non l´avevo allontanato e ho persino accettato la sua offerta di prendere té insieme. Ci abbiamo messo d´accordo che ci rincontreremmo vicino alla mia casa. Ma, onestamente, mi rincontravo molto male. La debolezza di mattina non terminava.
Prima del appuntamento sono venuta a casa e mi sono subito sdraiata sul letto. Ultimamente la debolezza mi attaccava spesso, sarebbe stato perchè il mio organismo era molto esaurito dopo di quel orrore moscovito.
Non mi preparavo specialmente per il nostro appuntamento, non mi truccavo e non sceglievo qualcosa intrigante del vestiario. Ricordo che mi sono messa jeans e una pelliccia da donna. Avevo la sensazione che faceva freddo. Credo di aver fatto tardi un quarto di ora. Ma è perdonabile per le ragazze. Siamo andati a una cafeteria prendere té.
Eravamo seduti l'uno di fronte all'altro e parlavamo di musica, dei libri, del amore. Masticando il mio italiano, provavo di spiegargli come mi doleva lasciare il mio amore a Mosca e andarmene. Stavo triste. Lui era buono e interessante. Ho saputo che era un scrittore e che eravamo colleghi perche anch´io scrivevo. Mi guardava e si sorprendeva. Non ho mai capito perchè. Forse ero come un animale esotico per lui. Forse perche sono russa. Dopo mi ha accompagnato a casa e non avevamo persino scambiato i nostri numeri di telefono.
Monte Carlo era per me un posto pieno di felicità. Ogni giorno faceva sole. Passeggiavo molto. Mare azzurro, giardini verdi, scale ampollose, aria fresca. Durante queste passeggiate provavo di incontrare la panchina più riposta con una vista bella e passavo ore intere là, sola con i miei pensieri. Scrivevo poesia triste, riflettevo sul mio futuro che provavo meticulosamente di costruire e godevo la vista del mare scintillante nei raggi di sole. Ogni giorno mi allontanavo più del mio passato. Lasciavo tutto e cominciavo una nuova vita. Questo mi rallegrava e mi rendeva fortezza.
A volte facevo shopping o pattinavo per il lungomare. A volte perfino mi permettevo andare alla piscina di Monte Carlo Spa. Insomma, vivevo come in una fiaba. Sentivo che la mia vita doveva cambiare.
Un giorno è passato dopo di quel “tè”. La mia vita andava come di solito e non venivo più al casino. Facevo per visitare il mio zio in Cannes. E dovevo stare là verso il Natale ortodoxo. Sognavo di passeggiare per il lungomare e vedere l´edificio che è il luogo annuale del Festivale di Cannes. Sognavo che pattinerei a rotelle per il lungomare e dopo mi senterei su una panchina e scriverei le mie fantasie, sogni, proggetti e descriverei il mio umore nel mio diario.
Poco prima di partire a Cannes mamma è ritornata del casino e mi ha portato un biglietto di lui. Ha scritto il suo numero di telefono e pregava chiamarlo. No potevo capire se valeva la pena lasciarlo entrare il mio mondo? Riuscirebbe capirmi? Lo volerebbe? E se lo lascio entrare, potrei lasciarlo via? O di nuovo sarebbero questo dolore sordo e delusioni? Non volevo che nessuno uomo fosse vicino a me. Avevo paura.
Amore è dolore.
Così ha passato un giorno. Ho pranzato con il mio zio in un ristorante comodo e di sera mi sono finalmente decisa di scrivergli un sms.

****

Altra chiamata – avvertenza della realità.
- Vai alla cena? – una voce amichevole che si è così inopportunamente intromessa nel mio umore melancolico.
- Sì. Ho una debolezza leggere ma passerà. Ti chiamo dopo del incontro e ti racconto tutti i proggetti rispetto alle riprese, - rispondo nel ricevitore al mio redattore televisivo.
- Va bene. Adesso andiamo al Big ben. Ci sentiamo dopo.
- Va bene, - stacco e mi immergo nel mare dei ricordi.



Ricordo come era felice che gli avevo scritto e mi ha invotato di nuovo a fare una passeggiata insieme. Non correvo molti rischi e ho detto di sì. Ma non ricordo esattamente quando ho cominciato a provare simpatia e paura. Forse il giorno quando passeggiavamo per il lungomare e lui ha così casualmente e ridicolo bagnato le sue scarpe nel mare, o forse quando passeggiavamo nel giardino e guardavamo il tramonto, o forse quando prendevamo té con dolci nel ristorante e gli scrivevo l´alfabeto russo. Forse era allora che questa simpatia si è insinuata nel mio cuore. Ricordo che mi sono spaventata moltissimo e ho avuto voglia di ritornare a casa. Mi sono sentita indifesa vicino a lui.
Quando ci abbiamo separato vicino alla mia porta, le mie forze si sono ritornate. Dopo della cena mi ha di nuovo mandato un sms e voleva fare una passeggiata. Ho detto di no: bisogna risparmiare le forze dell´anima, se non lo faccio io, chi lo farà? Ogniuno è risponsabile per se stesso. Domani mattina voleva accompagnarmi prima della mia partenza a Cannes. Anche le sue vacanze si stavano per terminare e un giorno dopo faceva per andare a casa.
La mattina, il giorno della mia partenza, mi ha mandato un sms. Dolo delle 11 mi aspetta alla porta. Ho indotto mamma a accompagnarmi, come se mi sentissi più forte con lei. Quel giorno lui era speciale, o forse io guardavo tutto già con altri occhi. Il giorno era caldo e pieno di sole. Indossava un maglione azzurro che gli veniva molto bene. Gliel´ho detto. Ancora lo ricordo in questo momento e con questo maglione. Ho preso il treno e mi sono partita a Cannes.
Dopo di Francia sono stata in Italia ancora 2 mesi. Viaggiavo molto e lui era con me ogni giorno. Mi scriveva divertite, belle, romantiche, risentite... differente sms. Ma sempre scriveva. Qualche volte al giorno. Vivevo di queste sms. Penetrava il mio mondo sempre di più. Ha così impercettibilmente diventato tutto per me e si è fatto il più aspettato e vicino. Mi rallegravo leggendo i sms, immaginando come sorride quando scrive, immaginando la espressione della sua faccia in quel momento. Mi sono persa, insomma.
Mi sono persa già l´ultimo giorno del mio soggiorno in Italia. Dopo della nostra ultima serata romantica a Roma. Mi sono persa al imbarcarmi sull´aereo quando ho capito che, di nuovo, scappo.

****

Mi sono alzata del poltrone e sono uscita alla terrazza. La umeda nebbia di Londra ha avvolto le strade sonnolente. Londra è bella ma sempre così affettata e aliena. Mi sono avvolta nella scialle e mi sono riportata al passato. Una ora mancava per il incontro.

****

Mi ha scritto una lettera e me l´ha consegnata quando andavamo al aeroporto. Era una lettera bella e tenera. Dopo era Russia. Solitudine. Paura. Incertezza. Era anche lui ma così lontano che mi sembrava sempre di essere sola e inutile in questo mondo enorme. Non poteva venire per vedermi. Nemmeno potevo io venire a vederlo. Lo amavo. Con un amore così puro, tenero. Così pazzo e disperato. Così infinito e furioso.
Fra di noi c´erano una distanza enorme, frontieri. Le mie lacrime e la sua pazienza. E dopo di un anno – rottura. L´anno che ho vissuto pensando di lui e dell´amore. Mi ha lasciato con questo amore. Dopo l´amore moriva lentamente dentro di me. Non sapevo più cosa faceva, dove andava, dove passava il tempo. Non c´erano più sms con confessioni e conversazioni in Internet di sera. Ha chiuso questo mondo per me. Me l´ha datto e me ne ha privato. Ho ucciso l´amore in me.
Un anno e mezzo dopo del nostro ultimo incontro sono ritornata in Italia, a Roma. Era maggio, un giorno di sole. Passeggiavo per Villa Borghese e li pensavo. Volevo scrivergli un sms o chiamare per dire che stavo a Roma. Ma sapevo che era meglio non farlo. Stavo bene. Anche lui. Non dove vedermi perche il suo cuore esploderà e proverà dolore e pentimento. Nemmeno io dovevo vederlo perche non sopporterò più un dolore e distanza così. Avevo compassione per lui, per me e per il nostro destino. Ma sapevo che era meglio così. Un mese dopo ho lasciato Roma con l´anima tranquilla. La sua città mi ha datto la felicità che non ha potuto dare lui.

****

Piangevo piano ricordando il passato e mi sono svegliata sulla terrazza temblando del freddo. Oggi era un giorno speciale. Oggi Londra era speciale per me. O forse ero emozionata prima del incontro. Mi giravo e rigiravo davanti allo specchio prima di scendere. Indossavo un semplice costume di lavoro Chanel e stivali Gucci in chave con la borsetta. Qualche goccie del mio profumo preferito di Gucci – e sono scesa nel lobby spazioso del hotel.
9 anni sono passati dopo del nostro scorso incontro a Roma, dopo di quel bacio d'addio nelle labbra. Molte cose sono cambiate. Lui, come una volta sognava, è diventato un scrittore famoso. I suoi libri sono stati pubblicati perfino in Russia e si vendono molto bene. Anch´io ho pubblicato qualchi volumi della mia poesia e dopo Canale 1 mi ha offerto diventare l´autore e conduttrice del programma di TV dedicata alla vita di autori moderni russi e stranieri. Questo era la raggione del mio soggiorno a Londra: dovevo filmare un programma dedicata a lui per la TV russa. Oggi la presentazione del suo nuovo libro aveva luogo in Inghilterra e volevo cominciare il lavoro con questo evvenimento. Dopo avevo programmato un vuolo a Roma dove farei le riprese principale del mio programma. Se 9 anni fa qualcuno mi avesse detto che il destino ci farebbe urtare l'uno contro l'altro in queste condizioni, non ci avrei creduto.
E adesso sono seduta nel lobby di Ritz e aspetto a che scenda per discutere le nostre riprese. Il mio sguardo é caduto sull´orologio, un orologio enorme sul muro del lobby. Faceva tardi un quarto di ora. Ero nervosa. Provavo di scegliere frasi per cominciare il nostro dialogo ma non mi occorreva niente. Guardavo il casino nel lobby. Qualcuno è venuto e parlavo con il portiere, qualcuno passava vicino a me andando al ristorante spazioso dove si serviva la colazione, qualcuno usciva nersovo correndo a un incontro. L´acensore si apriva, lasciando dentro e fuori gli ospiti. In quel momento le porte dell´ascensore si sono aperte una volta di più ed è uscito lui. Il mio sguardo si è fermato, al incontrare i suoi occhi, e sono restata immobile. Come se una esplosione fosse accaduta dentro. Il cuore battiva furiosamente. Ero in preda alla paura.
Si è fermato. Non so cosa ha pensato ma si è indirizzato nella mia direzzione. Hanno passato 5 minuti dopo che ci avevamo riconosciuto. Andava e mi guardava senza staccare gli occhi. Non ho resistito. Ho preso il cappotto, la borsetta e sono uscita fuori. Ho respinto un passeggero che si stava infilando nel taxi, mi sono buttata nel sedile ed ho ordinato al tassista di partire. I pensieri si giravano caoticamente nella testa e tutto il mondo sembrava di girare intorno a me.
- Ciao mammina! Quando vieni a casa? – una dolce voce di bambina ha sparto calore sull´anima.
- Ciao piccola! Vengo oggi sera. Il viaggio è stato cancellato.
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
Any
сообщение 15.4.2008, 12:08
Сообщение #24


Участник Italy Club
**

Группа: Пользователи
Сообщений: 94
Регистрация: 9.1.2008
Пользователь №: 3 610



PAUSA PRANZO biggrin.gif


- Io…io devo dirtelo.
- Cosa?
- Sam, senti…non ce la faccio più devo dirtelo o creperò d’infarto.
- Sei ancora giovane per l’infarto, non bevi, non fumi, non mangi roba fritta…a pensarci bene, non sarai mica gay?
- Gay? Perché i gay non fumano, non Bevono e non mangiano fritti?
- Lo fanno?
- Certo che sì.
- E come fai a saperlo per…Certo? Li frequenti?
- No! Ma che ti salta in mente.
- Perché questo perentorio no? Hai mica qualcosa contro i gay?
- …anche fosse?!
- Non ti facevo così intollerante.
- Non lo sono infatti.
- Hai appena detto che odi i gay.
- Non li odio.
- Ti sei contraddetto già due volte, dovresti avere dei pensieri più coerenti.
- …..
- Allora che volevi dirmi.
- Niente.
- Come niente.
- Significa che non è così importante.
- Ma come? 3 minuti fa ne stavi per morire d’infarto!
- 3 fa minuti non è adesso.
- Quindi abbiamo scampato il pericolo infarto.
- Direi di sì.
- Te l’ho detto che non c’era pericolo.
- Falla finita.
- Be’, se ho ragione ho ragione!
- A questo punto mi piacerebbe dirtelo.
- Ti ascolto.
- Sicuro di volerlo sapere?
- Finché non lo so …
- Ti ho rigato la carrozzeria.
- Cosa?
- Ti ho rigato tutta la fiancata della Mercedes con le chiavi.
- Ha rigato quella splendida carrozzeria metallizzata? Perché cavolo l’hai fatto?
- Non lo so…
- Non sarai mica invidioso della Mercedes?
- Be’, io…Sì, sì, sì sono geloso!!! Finalmente te l’ho detto. Non capisco come tu sia riuscito a comprare un auto così costosa visto che abbiamo lo stesso stipendio, con il quale, IO, ho potuto comprare solo una fottuta utilitaria!
- Non dovresti farti tutte queste domande, fa male alla salute.
- Ho un ottima salute!
- Non si sa mai, magari fra 3 minuti starai male.
- INVECE starò bene!
- Non ne sarei tanto sicuro.
- Lo sono!
- Credo che dovresti liberarti la coscienza dal peso di questo tuo spregevole atto.
- Cosa?
- E’ stato davvero brutto da parte tua rigare la carrozzeria.
- Lo so.
- Non ti senti un po’ in colpa?
- Può essere…
- Allora liberati da questo peso.
- Cosa?
- Pentiti.
- Che dovrei fare, trovare una chiesa?
- Naaa, basta scusarti pubblicamente.
- Pubblicamente?
- Fare ammenda a voce alta, dopo starai sicuramente meglio.
- Non mi convince.
- Fidati.
- Ok, del resto se ti fa sentire meglio, è il minimo che possa fare.
Si alza in piedi e dice:
- Chiedo pubblicamente scusa per aver rigato la fiancata della Mercedes qui fuori, non volevo. Non so cosa mi sia preso, io…
Ma non riesce a finire la frase che qualcuno lo colpisce al volto.
E’ a terra sanguinante.
Sam si avvicina e dice:
- Ti avevo detto che saresti potuto stare male.
- Ma … chi cavolo era quello?
- Il proprietario della Mercedes.
- Non era tua???
- Con lo stipendio che prendo? Al massimo mi ci posso fare una foto vicino.
- Bastardo!
- A me o al tipo che ti sta rigando la fiancata?
- ………
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
Умка
сообщение 11.11.2010, 12:50
Сообщение #25


Гуру Italy Club
Group Icon

Группа: Модераторы
Сообщений: 1 415
Регистрация: 20.1.2007
Из: Roma
Пользователь №: 38



Мне очень понравился этот мини-рассказик, решила с вами поделиться smile.gif
Andrea Benvenuti
IL RITORNO
Tu tum tu tump... Tu tum tu tump...
Il rumore ferroso del quattro vagone sugli scambi del vecchio binario che la riportava a casa era solo la musica per le sue orecchie.
Nessun fastidio. Nessuna impazienza.
Solo quella di inghiottire in un boccone gli ultimi chilometri che la dividevano dall'agognato ritorno.
A casa. Finalmente.
Un vestito: più bello. Uno sguardo: non più maliconico. Un pensiero fisso. L'abbraccio. Ai luoghi. All'odore di pane appena fatto. Alle strade. Quelle da bambina percorse tante volte a piedi nudi. Di corsa, fino a casa, tra le grandi braccia del padre. Con il cuore in gola per arrivare in un batter baleno.
Lo stesso battito che, per tutto il viaggio, le aveva attanagliato lo stomaco.
Alle volte la sensazione più semplici nascondono grandi ritorni.


--------------------
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
iriska greco
сообщение 12.11.2010, 9:33
Сообщение #26


Участник Italy Club
**

Группа: Пользователи
Сообщений: 63
Регистрация: 8.5.2009
Из: Великий Новгород
Пользователь №: 35 306



Цитата(Умка @ 11.11.2010, 13:50) *

Мне очень понравился этот мини-рассказик, решила с вами поделиться smile.gif
Andrea Benvenuti
IL RITORNO
Tu tum tu tump... Tu tum tu tump...
Il rumore ferroso del quattro vagone sugli scambi del vecchio binario che la riportava a casa era solo la musica per le sue orecchie.
Nessun fastidio. Nessuna impazienza.
Solo quella di inghiottire in un boccone gli ultimi chilometri che la dividevano dall'agognato ritorno.
A casa. Finalmente.
Un vestito: più bello. Uno sguardo: non più maliconico. Un pensiero fisso. L'abbraccio. Ai luoghi. All'odore di pane appena fatto. Alle strade. Quelle da bambina percorse tante volte a piedi nudi. Di corsa, fino a casa, tra le grandi braccia del padre. Con il cuore in gola per arrivare in un batter baleno.
Lo stesso battito che, per tutto il viaggio, le aveva attanagliato lo stomaco.
Alle volte la sensazione più semplici nascondono grandi ritorni.


с чувством! захотелось вернуться домой! действительно, какие мощные эмоции мы испытываем когда возврвщаемся в родные места! короткий рассказ, но затронул самое сокровенное!
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения
Умка
сообщение 12.11.2010, 12:55
Сообщение #27


Гуру Italy Club
Group Icon

Группа: Модераторы
Сообщений: 1 415
Регистрация: 20.1.2007
Из: Roma
Пользователь №: 38



Ирина, я рада что ты его прочувствовала как и я smile.gif Потому что многие и не поняли, что в этом рассказике такого хорошего для меня smile.gif


--------------------
Пользователь в офлайнеКарточка пользователяОтправить личное сообщение
Вернуться в начало страницы
+Ответить с цитированием данного сообщения

2 страниц V < 1 2
Ответить в эту темуОткрыть новую тему
1 чел. читают эту тему (гостей: 1, скрытых пользователей: 0)
Пользователей: 0

 

- Текстовая версия Сейчас: 23.11.2017, 17:30